1) Compila il form , 2) Confronta le migliori polizze, 3) Risparmia fino a 500€

Codice delle assicurazioni: l’ISVAP, vigilati e reclami

Pubblicato il 4 ottobre 2011 | 0 commenti

L’articolo 6 del Codice delle Assicurazioni stabilisce su quali soggetti deve vigilare l’ISVAP.

LA FUNZIONE DI VIGILANZA

1. L’ISVAP esercita le funzioni di vigilanza nei confronti:

a) delle imprese, comunque denominate e costituite, che esercitano nel territorio della Repubblica attività di assicurazione o di riassicurazione in qualsiasi ramo e in qualsiasi forma, ovvero operazioni di capitalizzazione e di gestione di fondi collettivi costituiti per l’erogazione di prestazioni in caso di morte, in caso di vita o in caso di cessazione o riduzione dell’attività lavorativa;

b) dei gruppi assicurativi e dei conglomerati finanziari nei quali sono incluse imprese di assicurazione e di riassicurazione in conformità alla specifica normativa ad essi applicabile;

c) dei soggetti, enti e organizzazioni che in qualunque forma svolgono funzioni parzialmente comprese nel ciclo operativo delle imprese di assicurazione o di riassicurazione limitatamente ai profili assicurativi e riassicurativi;

d) degli intermediari di assicurazione e di riassicurazione, dei periti di assicurazione e di ogni altro operatore del mercato assicurativo.

RECLAMI

L’articolo 7 del Codice delle Assicurazioni, invece, regola i reclami sull’attività dell’ISVAP.

1. Le persone fisiche e giuridiche, nonché le associazioni riconosciute per la rappresentanza degli interessi dei consumatori hanno facoltà di proporre reclamo all’ISVAP, per l’accertamento dell’osservanza delle disposizioni previste nel presente codice, nei confronti delle imprese di assicurazione e di riassicurazione, degli intermediari e dei periti assicurativi secondo la procedura prevista con regolamento adottato dall’Istituto nel rispetto dei principi del giusto procedimento.

Ma non è tutto. L’ISVAP, infatti, deve agire nell’ambito e nel rispetto di alcune norme comunitarie ed altri regolamenti, che vedremo prossimamente.

Nessun commento ancora pubblicato »

Lascia un Commento

AssicurazioniAuto oggi ti suggerisce