1) Compila il form , 2) Confronta le migliori polizze, 3) Risparmia fino a 500€

Incidente: come compilare il modulo della constatazione amichevole

Pubblicato il 28 maggio 2013 | 0 commenti

Capita sempre quando meno lo si aspetta e, di solito, la situazione è talmente confusa che l’ultima cosa a cui si pensa è la burocrazia. Tutti, in caso di incidente, dovrebbero essere in possesso del modulo CID (detto anche modulo CAI) per la constatazione amichevole di incidente. Infatti, le uniche ipotesi nelle quali non bisogna compilarlo sono quelle nelle quali intervengono l’ambulanza o le forze dell’ordine, perché ci sono feriti. Ma se l’incidente non causa fortunatamente danni alle persone, il modulo CID deve essere compilato. E in pochi sanno come fare. Infatti, sul modulo stesso non sono incluse le “istruzioni per l’uso” e la sua compilazione viene spesso fatta in modo approssimativo, rischiando pure così facendo il mancato risarcimento dei danni per questioni “burocratiche”.

E allora, partiamo dai fondamentali…

Dove reperire il modulo CID

Il modulo per la constatazione amichevole viene fornito dalla propria compagnia assicurativa alla stipula della polizza e ai suoi successivi rinnovi. Ma se l’avete perso o non vi ricordate dove l’avete messo, può anche essere scaricato on-line. Deve comunque essere disponibile gratuitamente.

Il modulo CID

Il modulo CID è solitamente formato da più fogli: il primo è colorato e l’altro è una carta carbone (o chimica ricalcante). In caso di incidente, ogni parte coinvolta deve avere il proprio modulo, ma basta compilarne uno solo, fornito da uno dei coinvolti nell’incidente. La copia e la parte colorata andranno poi staccati e consegnati alle due rispettive compagnie assicurative: è importantissimo che questi due fogli siano completamente identici. Eventuali aggiunte o segni che non compaiano esattamente nelle due copie, rischiano di invalidare entrambe.

Quanto amichevole è la constatazione amichevole?

Ovviamente, se tutte le parti coinvolte sono d’accordo su quanto riportato sul modulo, il rimborso da parte delle rispettive assicurazioni sarà più veloce. Ma se uno non è completamente d’accordo con quanto scritto, basta che eviti di firmare. Si deve però compilare il modulo con i propri dati. Si procederà poi, nella parte relativa alle altre informazioni, ad indicare l’intervento delle autorità, le targhe, i dati dei testimoni e dei proprietari dell’automobile.

Come compilare il moduli CID

Cominciamo dall’inizio.

  • Nel primo riquadro in alto a sinistra, ricordatevi di indicare data e ora dell’incidente.
  • Sezioni da 1 a 5: indicare, nell’ordine, il luogo dove è avvenuto l’incidente, la presenza di eventuali feriti, la descrizione dei danni e la presenza di eventuali testimoni. Non importa se compilate il riquadro giallo o azzurro sulla parte relativa ai veicoli. Entrambi potete scegliere quella che preferite.
  • Sezione 6: inserite i dati completi dell’assicurato.
  • Sezione 7: specificate il tipo di veicolo e, se presente, il tipo e i dati del rimorchio.
  • Sezione 8: i dati dell’assicurazione richiesti possono essere trovati sul vostro certificato o contrassegno. Non mancate di inserire anche i dati relativi alla polizza (numero, validità, nome e indirizzo dell’agenzia, tipo di copertura assicurativa).
  • Sezione 9: inserite i dati del conducente e la sua patente di guida.
  • Sezione 10: disegnate il vostro veicolo e gli altri veicoli, segnando la parte che ha subito l’urto.
  • Sezione 11: elencate i danni che avete subito.
  • Sezione 12: segnate una o più caselle che aiutino a capire come è accaduto l’incidente.
  • Sezione 13: spiegate la dinamica dell’incidente indicando la direzione dei veicoli, la loro posizione al momento dell’urto, l’eventuale presenza di segnaletica e i nomi delle vie o delle strade.
  • Sezione 14: inserite eventuali altre osservazioni verificabili.
  • Sezione 15: è lo spazio per la firma riservato ai conducenti.

Vedremo in seguito come presentare il modulo per la constatazione amichevole alla vostra compagnia assicurativa.

Nessun commento ancora pubblicato »

Lascia un Commento