1) Compila il form , 2) Confronta le migliori polizze, 3) Risparmia fino a 500€

Unipol Fonsai: il parere di Altroconsumo

Pubblicato il 3 agosto 2012 | 0 commenti

Unipol-Fonsai: un’alleanza che lascia perplessa l’associazione di consumatori Altroconsumo, che a riguardo ha lasciato un comunicato molto critico.

Secondo il gruppo di consumatori, si tratta di “un’operazione di concentrazione che non promette nulla di buono per i consumatori, dal punto di vista sia della concorrenza sui prezzi delle polizze, sia del prevedibile andamento dei titoli delle imprese coinvolte e oggi nelle mani di tanti piccoli risparmiatori.”

E ancora, l’analisi dell’associazione passa in rassegna la concentrazione di competenze che assorbirà la nuova realtà assicurativa, un vero impero. Nei rami danni, in particolare rc auto, il nuovo Gruppo coprirà oltre il 30% del mercato nei tre/quarti delle province italiane e addirittura oltre il 40% in 22 di esse. In alcuni rami, compreso l’rc auto, il nuovo Gruppo sarà il primo operatore in Italia.

“E’ difficile pensare che due grandi imprese, già oggi ai vertici del mercato assicurativo e che non si sono mai distinte per competitività, diventino più virtuose mettendosi insieme” ha commentato Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo. “Anzi, lo scopo della concentrazione è proprio quello, ovviamente, di mantenere – se non accrescere – le dimensioni attuali, consentite purtroppo dalla ancora scarsa mobilità dei consumatori.

La concorrenza nel settore assicurativo crescerà quando entreranno in scena nuovi soggetti, meglio se provenienti da altri Paesi, che finora si sono tenuti spesso lontani dall’Italia. A questo fine è indispensabile che le reti distributive, attraverso le quali passa tuttora l’85% delle polizze danni, restino aperte non solo sulla carta ma anche nei fatti” ha concluso Martinello.

Insomma la preoccupazione è che questo nuovo “impero assicurativo” anziché diventare più conveniente rischi di diventare una lobby.

Altrettanto fosche le prospettive per i risparmiatori. Nei guai, oltre agli azionisti Premafin e Fonsai, ci si troveranno probabilmente anche quelli di Unipol. “Le società del gruppo Ligresti sono virtualmente fallite” ha commentato Vincenzo Somma, direttore Soldi Sette; “un paio lo sono anche formalmente – in quanto i padroni, affetti da fame atavica, le hanno spolpate per anni. Senza ritegno, con la connivenza sia di chi doveva controllare che della politica che occupava, ben retribuita, gli scranni dei consigli di amministrazione del gruppo. Gli azionisti Premafin e Fonsai scappino con quel poco che ancora resta loro. Finché qualcosa resta” conclude Somma.

 

Anche gli assicurati del gruppo Fondiaria Sai farebbero meglio ad andarsene a gambe levate. Anni di appostazioni a riserva insufficienti – così dicono le indagini – mettono a rischio pure i rimborsi per i sinistri. Con la fusione, la malattia rischia di contagiare pure il polo bancario/assicurativo rosso.

Nessun commento ancora pubblicato »

Lascia un Commento

AssicurazioniAuto oggi ti suggerisce